Camminata solitaria da Monaco di Baviera a Verona 2021 Festeggiando 61 anni di gemellaggio
Tappa 05 – L’incontro con le Alpi e l’ospitalità dei bavaresi.

Tappa 05 – L’incontro con le Alpi e l’ospitalità dei bavaresi.

Tappa 05 – L’incontro con le Alpi e l’ospitalità dei bavaresi.

La passeggiata è iniziata molto bene, vado a passo lento, sono partita da Weilheim e sto andando a Eschenlohe mi sono fermata in una cittadina chiamata Polling, che dista 7 km da Weilheim. Il viaggio di oggi è iniziato in modo molto interessante, quando ho iniziato a vedere paesaggi meravigliosi;  posso vedere le Alpi e immagino il percorso che prenderò per salirle. Ogni giorno vedo uno scenario diverso – all’improvviso mi trovo in un bosco, poi entro in una città affascinante, poi i laghi, ora le Alpi… Senza dubbio sono nel posto giusto, al momento giusto! Questa è sta diventando un’esperienza fantastica!

Durante la passeggiata mi piace guardarmi indietro e quando vedo che da lontano noto ancora il campanile, sento di aver camminato poco. Quello che mi rende felice è guardare indietro e non vedere più la torre, così sento che sto avanzando lungo la strada.

Finora non ho la compagnia di un lago o di un bel fiume, ma cammino nel paesaggio indescrivibile delle Alpi all’orizzonte. In quel momento non posso che apprezzare, fare una foto ed essere grata. Su questo percorso posso già sentire il vento gelido proveniente dalle Alpi, sarà quel sibilo di freddo e il bel panorama che mi accompagnerà durante la giornata di trekking.

Mi sento come se stessi camminando all’interno di un dipinto, è così bello.

Il panorama di oggi è mozzafiato !! Ovunque guardo, sto avvertendo  una sensazione che mi attraversa: “Quanto è grande l’universo, quanto è grande Dio!”. Siamo così piccoli di fronte a tanta grandezza. A volte pensiamo che ciò che conta sia la posizione sociale, le persone, il lavoro, che la società dice meriti onore, ma è di fronte a un paesaggio come questo che posso vedere quanto siamo piccoli e fragili. Quello che conta davvero è davanti ai miei occhi!

Per completare la mia missione per raggiungere Verona, sto percorrendo il percorso dalla Via Augusta, un’antica strada romana che collega Monaco a Venezia. Sto letteralmente calpestando un pezzo di storia, dai tempi dell’Impero Romano. Questa strada è stata costruita circa 2000 anni fa per collegare il centro dell’Impero alle ricche province del nord, attraverso le Alpi. Si estende per circa 560 chilometri, partendo dalle rive del mare Adriatico, seguendo la valle del fiume Po e arrivando al Danubio, al di là delle Alpi, in Italia. E io sono qui! Pronta a vivere e registrare quei momenti belli, che, per me, è un grande privilegio affrontare.

Tutte le persone che incontro sono pronte a sorridere. Ma sono loro quelli che sono pronti a regalare un sorriso o io sono pronto a riceverlo?

Ho conosciuto una coppia molto simpatica, l’austriaco Thomas e Beatriz Beatriz, che quando mi hanno visto con lo zaino sulle spalle, mi hanno chiesto della mia storia. Ho raccontato tutto il mio viaggio fatto  fino ad ora, ho parlato della celebrazione del gemellaggio tra Verona e Monaco e del mio obiettivo di portare le persone, anche a casa, in un viaggio tra paesaggi, conoscenza e cultura stupendi. Ho anche raccontato del regalo che ho portato da Verona a Monaco e, nella nostra conversazione, ho ricevuto un’energia meravigliosa da questa cara coppia, senza dubbio, mi hanno acclamato. Altra piacevole sorpresa della giornata è stato l’incontro con un signore di nome Anton, che adora il Veneto e che mi ha accolto con un grande sorriso quando ha visto la bandiera veronese.

In una trasmissione in diretta, che ho fatto sulla mia pagina Facebook, ho detto che quando percorro molti chilometri, senza avere un percorso specifico per arrivare alle mie tappe quotidiane, la mia scelta di percorso è condizionata da semplici preferenze, sostanzialmente legate a ciò che sembra meno stancante e più semplice. Succede che, molte volte, mi allontano dal sentiero che sto percorrendo perché sono attratta da un sentiero in discesa, o dalla vista di un bel paesaggio o dalla semplice convinzione insignificante che, cambiando, posso raggiungere la mia meta prima e con meno sforzo.

Che bella lezione di vita!

Non potete immaginare quante volte, seguendo queste convinzioni, ho aumentato il mio viaggio. A volte, anche più di dieci chilometri.

Eh sì, è così nella vita, soprattutto nei momenti più difficili. Quelli che io chiamo “miraggi” ci si presentano con una certa frequenza … il percorso più breve, apparentemente più comodo, sembra addirittura un’opportunità da non perdere! Di quelli che sono come il treno da prendere al volo perché non passa due volte …

Non sapete quanti chilometri in più mi sono costati questi “miraggi”.

Questo vale anche nella vita, quando nei momenti di difficoltà, vogliamo a tutti i costi  trovare il modo per aggirare l’ostacolo, la strada che ci faccia raggiungere la meta con meno fatica, quella che apparentemente è una discesa. Purtroppo quando la vita ci mette di fronte a ostacoli o scelte, non possiamo prestare attenzione ai “miraggi”, dobbiamo continuare sulla strada, che sembra certa anche se più faticosa … e se dobbiamo fare delle scelte che possano farci soffrire al momento, sappiate che saranno sempre ricompensate con gli interessi.

Pensate quale riflessione può nascere dalla semplice scelta della strada sbagliata!

Ebbene, in effetti, i filosofi greci hanno fatto proprio questo, meditato su cose semplici, per spiegare la complessità dell’esistenza! Non starò diventando un filosofo !? Ahahah, non abbiate paura,  sono e sarò sempre la vostra  Jesus, una camminatrice  improvvisata sui sentieri della vita …!

È interessante tutto ciò che sta accadendo in questo viaggio, all’inizio della giornata, stavo vedendo le Alpi da lontano, in un viaggio tranquillo e ora sono ai piedi delle montagne, camminando tra queste immense alture , posso quasi toccare una montagna con le mie mani.

Tuttavia, non mi aspettavo di provare emozioni così forti …

Sono le otto di sera passate e, di giorno, mi sono persa, ho camminato più del previsto, ho pianto, ho condiviso tutto quello che provavo dal vivo e ho quasi rinunciato a continuare. Le difficoltà della vita ci fanno venire voglia di fermare tutto, così quella era la fine del viaggio di oggi. Un percorso che è iniziato in sordina, ma che, negli ultimi 10 chilometri, ha cambiato tutto il mio tenore, ho vissuto momenti molto intensi. Ho avuto la sensazione che sarei stata inghiottito dalla strada e dalla tristezza che è venuta ad accompagnarmi alla conclusione del viaggio di oggi.

Tutti i chilometri superati oggi simboleggiano una vittoria personale, non essendo un escursionista professionista, non pianifico l’intero percorso che seguirò. Il più delle volte seguo il mio istinto, senza guardare prima la mappa e per me camminare a questo livello è una battaglia, spero di poter festeggiare presto la vittoria con tutti voi che avete sostenuto e seguito questo viaggio di forza , fede e traguardo.

Domani sarà un grande giorno, poiché sarà il mio ultimo giorno in terra tedesca, arriverò nell’ultima città della Germania per trovare l’Austria e attraversare il confine in auto.

La strada continua e per oggi mi riposerò e mi preparerò per ciò che verrà.

4 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.