Camminata solitaria da Monaco di Baviera a Verona 2021 Festeggiando 61 anni di gemellaggio
GIORNO 13 – La mia terra, la mia famiglia. L’emozione di attraversare Bardolino e le incredibili sorprese del mio Veneto.

GIORNO 13 – La mia terra, la mia famiglia. L’emozione di attraversare Bardolino e le incredibili sorprese del mio Veneto.

GIORNO 13 – La mia terra, la mia famiglia. L’emozione di attraversare Bardolino e le incredibili sorprese del mio Veneto.

Conto alla rovescia per arrivare a Verona, la mia missione è vicina alla fine. Oggi la giornata è iniziata molto presto, ho dormito all’Hotel del Porto a Torri del Benaco, che era come essere dentro una favola quando si apre la finestra. Ho visto il bellissimo lago accogliermi in questa bellissima giornata, svegliarmi e vedere tutta quella bellezza, è stato come essere dentro un quadro!

Ho iniziato la mia passeggiata lungo il lago e mi sono diretta verso la mia Panchina Rosa di Torri del Benaco, ho avuto momenti molto piacevoli, ho capito che la Panchina Rosa è in un luogo dove gli anziani si incontrano per bere un po’ di vino, giocare a carte, parlare, sempre di fronte al lago, godersi la natura. È un piacere pensare che la Pink Bench di Torri fa compagnia a queste persone!

Quando ho parlato con Beppe, il presidente di questa associazione di amici, ho iniziato a rendermi conto di quanto valore hanno le persone anziane nella nostra vita, ci insegnano e ci incoraggiano quando raccontano le loro storie. Il tempo per questi anziani saggi è un dono ricevuto dal cielo, ecco perché non hanno mai fretta, anzi, vivono sempre ogni minuto con la dovuta importanza. Dopo tutto, quante persone nel corso della loro vita non hanno attraversato enormi sofferenze? Quanti non si sono sacrificati al limite per ottenere uno stato di benessere? Le loro storie ci hanno strutturato! Hanno spianato le strade dell’esperienza in modo che potessimo imparare a camminare in sicurezza oggi, facendo meno errori.

Noi, che non abbiamo visto nemmeno la metà delle sofferenze che hanno attraversato, ci lamentiamo di cose così banali, perciò la mia sfida per oggi è esercitare la serenità che ho visto tra loro e alimentare la loro generosità nel tempo, godendomi ogni momento accanto al bel Lago di Garda. Trovarli a fare ciò che vogliono è stata un’enorme fonte di ricchezza.

Durante la mia passeggiata per il mercato di Torri, ho ricevuto molti consigli sui luoghi che potevo visitare in città, è stato meraviglioso, tutti erano orgogliosi della loro città, alcune persone anziane che ho incontrato al mercato, mi hanno detto di visitare un albero di limoni di oltre 200 anni, all’interno del Castello Scaligero, fortezza di epoca scaligera e uno dei castelli meglio conservati d’Italia. Devo confessare che sono rimasta incantata da tutto quello che ho visto e dalla bellezza di quello storico albero di limoni.

Un gioiello molto raro in mezzo a costruzioni umane, quindi posso descrivere la ricchezza di questo albero di limone che vive dal 1700. L’esperienza di visitare questo giardino segreto all’interno del Castello mi ha coinvolto in tutti i modi, non appena l’ho visto sono rimasta senza parole per descrivere tanta bellezza; il profumo che ho sentito rimarrà impresso nella mia memoria. Ho vissuto momenti indescrivibili qui a Torri.

Più viaggio in Veneto, più il mio amore e la mia ammirazione crescono!

Scoprire gli edifici, contemplare la natura, conoscere le culture, sentire gli odori e i sapori della regione e incontrare le persone che vivono qui, non mi stancherà mai! Avrò sempre sete di trovare quelle fonti di giovinezza che nutrono il mio spirito.

Dopo questo tour, ho ricevuto un altro regalo dal mio amato Veneto! Una carissima brasiliana mi ha trovato dopo aver ricevuto consigli da un amico su dove fossi; Arilane Mischi mi ha raggiunto in bicicletta lungo il mio cammino, per consegnarmi un delizioso limoncello fatto con questi limoni centenari!

Arilane Mischi

Guardate che meravigliosa sorpresa, amici! Ho appena incontrato l’albero di limone più appassionante e unico che abbia mai visto in vita mia e, subito dopo l’incontro, ricevo questo regalo da una sorella delle terre d’origine – Brasile e Veneto. Che bella energia ho condiviso con lei! Trovare qualcuno che provi le stesse sensazioni diviso tra le sue terre è molto eccitante, perché mi sento come se fossimo amici da molti anni!

Ho condiviso l’incontro sul mio profilo Facebook per condividere con tutti gli amici; quanto mi piace raccontare le storie stimolanti delle persone normali che incontro! Ogni storia riunisce perle preziose, con lezioni di vita reale, sacrifici e risultati. Ogni parola che sento, la ricevo come una grande esperienza di vita che merita di essere condivisa. Mi piace farlo per fare da contraltare ai cliché che vediamo spesso. Non voglio parlare di una vita perfetta, di risultati irraggiungibili e solo di risultati materiali.

Voglio parlare delle piccole vittorie della vita quotidiana, delle lotte che affrontiamo per mantenere la speranza e la fiducia in chi vogliamo essere. Voglio parlare delle persone, così preziose, che combattono e vincono, che persistono e vedono, con grande orgoglio, il lavoro delle loro mani portare frutti a se stesse e a chi gli sta intorno!

La bellezza di Torri Del Benaco e della sua gente mi tenevano lì, quasi non potevo lasciare questa città. Il mio percorso mi stava aspettando e la mia prossima Panchina Rosa era quella numero 0, la prima in assoluto. La città dove è nato il 90% delle idee che ho avuto  dal 2017 e che ho potuto realizzarle con grande gioia. Finalmente sono arrivata a Bardolino, la città del famoso vino Chiaretto, la festa dell’uva, la città del sorriso e della bellezza impagabile, la città dove sento che tutta la popolazione ha un po ‘dei miei nonni, dei miei zii, delle mie sorelle e dei miei fratelli !

La città del mio grande amico Ivan De Beni.

Ivan De Beni

In questa città sono stata sempre molto apprezzata da tutti e sempre ben accolta dall’attuale sindaco, tutte le persone che lavorano con lui sono grandi amici e ogni volta che ho un’idea o un progetto da lanciare in Veneto, è dalla città di Bardolino che tutto inizia, mi supportano sempre e credono immensamente in me e nelle mie idee.

In questa città l’ospitalità è una priorità e tratta i suoi visitatori come se fossero a casa. Immagina questa città, che conta 7.000 abitanti, ma che riceve circa 2 milioni di turisti all’anno!

Bardolino, mio ​​Bardolino!

Vedere la città vuota mi spezza il cuore, ma quando le persone che mi hanno accolto con un sorriso stampato in faccia, anche di fronte a tutto quello che stiamo vivendo, ho capito quanto sia importante la positività per farci uscire da questa situazione!

Bardolino, per molti anni, è stata eletta da un quotidiano nazionale come la migliore città in cui vivere, di tutta Italia. Dove gli abitanti erano considerati i più felici del Paese ….

Sono arrivata ed è stata una festa! Lauro Sabaini, il sindaco mi ha portato alla Panchina Rosa e mi ha ricordato che è qui a Bardolino che è nata l’idea di questo progetto, che poi è andato avanti e si è esteso a tutte le altre 35 città della provincia.

Poi la cara Carlotta mi ha raccontato tutte le feste che la Fondazione Bardolino organizza e già guarda al futuro con speranza. Sono pronti ad aprire le porte della città ai visitatori e spero che presto questo virus possa estinguersi e riportare la mia Bardolino alla vita di prima, brulicante di visitatori  …

È stato emozionante vedere il mio caro amico Ivan de Beni, immaginarlo lì ad aspettarmi, mi ha ricordato la prima volta che sono entrata in città nel corso del 2017. A quel tempo era sindaco della città e quando ho attraversato  tutto il Veneto, volevo  conoscere  Bardolino e lui mi ha portato a pescare la tipica pesca del Bardolino, mi ha portato a visitare posti incredibili e bere un meraviglioso vino rosa …

Immaginate che nel 2018 ho avuto l’onore di essere nominata “Ambasciatrice del vino Bardolino”, che è un’occasione molto speciale in quella città e che poche persone di fama internazionale hanno avuto l’opportunità di essere battezzate “Ambasciatori del vino Bardolino”.

È stato emozionante ricordare tutto questo, perché, se c’è una città veneziana dove vive un pezzetto di me, quella città è la mio Bardolino. Anche se amo tutte le altre città della regione, c’è davvero un pezzetto di me …

Vi metto qui una foto di quando ero ambasciatore del vino Bardolino.

Dopo questi emozionanti ricordi e un’infinita ospitalità, finalmente il mio amico Ivan mi ha raccontato una storia speciale …

Ha detto che il poeta e filosofo tedesco Goethe si è fermato lì al porto, dove eravamo noi e da lì è sceso dalla barca che veniva da Malcesine. Da quel porto il filosofo ha proseguito la sua strada verso la città di Verona, come sto facendo io nel mio cammino. Immaginate  che nei manoscritti di Goethe sia stato trovato un estratto che narra questo momento e dice che si fermò e mangiò qualcosa a Bardolino e disse che c’era del buon cibo e la fiera era pagata …

Già allora questa meravigliosa città era famosa per la sua ospitalità e l’onestà della sua gente!

la bicicletta delle meraviglie

Dopo tutto questo, un po ‘di sostegno è arrivato e proprio lì il mio amico che possiede un meraviglioso ristorante, “Logia e la Barchessa Rambaldi”, ha realizzato la sua nuova invenzione. Io la chiamo “la bicicletta delle meraviglie”, una bicicletta che porta davanti a sé il cibo che il suo ristorante prepara per Delivery, il vero esempio di una persona che non è stata rovesciata dal virus e dalla stanchezza, ma si è adoperato con immensa dedizione e umiltà che caratterizzano gli abitanti di Bardolino. Si è rimboccato  le maniche e si sta reinventando, lì ho respirato un’aria di speranza … lì ho respirato un’aria di rinascita e la voglia di uscire vittoriosi da questa crisi e da questa pandemia!

È stato un esempio di vita passata a Bardolino, credo che sia stata la giusta carica che mi serviva per raggiungere la meta finale della mia missione!

Come sempre, quando passo per Bardolino, non voglio ripartire mai, ma il mio percorso mi aspettava e con il cuore in mano ho deciso di proseguire il mio viaggio che mi avrebbe portato alla Panchina Rosa nella città di Pastrengo. I miei passi oggi sono stati davvero lenti, perché sulle colline di Bardolino ho visto il tramonto da lontano e per me è stato come ricevere un saluto dalla città che diceva:

“Ci vediamo, Jesus, ti stiamo aspettando per le nostre feste!”

La voce del Cammino:

Amici carissimi,  quella di ieri è stata una tappa straordinaria. Mi sono sentita come l’Imperatore  Cesare Augusto  che rientra dalla sua campagna vittoriosa! acclamata dalle genti e dai territori conquistati con il cammino… 🤣🤣🤣   che “Monada”…(TERMINE VENETO per definire “ingenuità”)

  Ho detto! 

Eppure la sensazione che ho provato nel transitare nella mia terra è stata molto vicina a quella che deve avere provato Cerare. Ma non è  così, non sono stata accolta in modo trionfale… in realtà l’accoglienza  che ho ricevuto è stata molto più semplice e allo stesso tempo più profonda… quello che ho sentito è stato un sentimento di gioia, di amore di condivisione. Sono bastati degli sguardi, dei sorrisi, due battute, e le persone viste per la prima volta sono diventate le mie nonne, i miei zii, le mie sorelle.

Quanta affinità, quanta armonia! Eppure non ci eravamo mai visti prima. Questa pandemia ci ha cambiati. Ci ha dato tanto dolore, ma ci ha fatto riflettere su tante cose, ci ha dato una opportunità.. quella di leggere la nostra esistenza in un modo completamente diverso. Di renderci consapevoli che siamo parte del mondo che ci circonda , della natura.. Che non siamo padroni di essa, ma parte di essa!! Che la Natura sa difendersi da chi minaccia la sua integrità . Che chi vi fa parte deve tutelarla difenderla , proteggerla. Il Mondo che ci circonda, il territorio in cui viviamo e cresciamo, è tutto ciò che abbiamo, è grazie ad esso che possiamo vivere la gioia della vita. Non sfruttandolo , non violandolo e distruggendolo… Per essere felici ci basta così poco. Avete visto i paesaggi dai quali sono stata circondata oggi, le colline, le montagne, il lago, i paesi, le case, le piazze, la gente con cui ho dialogato, i sorrisi donati e ricevuti… Tutto questo ha reso felice me e chi mi ha seguito. Tutto questo ha regalato attimi di vita gioiosa, di armonia e di voglia di rinascere dopo tanta sofferenza … 

Quanto mi ha rivelato ieri il cammino …

Ci vediamo prestissimo!!

2 commenti

  1. Marina Aste

    Ieri seguirti è stato un vero piacere. Ho scoperto cose che non conoscevo ed è stato bellissimo. Io amo molto, come te, fermarmi a parlare con le persone e condividere con loro le cose belle che offre il lago e i suoi dintorni e non solo. Cerco sempre di essere varia e far loro scoprire le particolarità e non solo i percorsi turistici standard. Quando mi capita di rivederli, spesso mi dicono grazie di aver fatto loro scoprire cose che non avrebbero mai visto se non li avessi consigliati. Condividere è il segreto e tu oggi hai fatto questo con me. GRAZIE

  2. paola felis

    Arrivo a sera stanca per l’impegno lavorativo ma tu con la tua grinta mi incuriosisci e mi fai viaggiare con te donandomi momenti speciali e voglia di andare a visitare questa bellissima Regione.
    Tantissimi spunti della nostra bellissima terra da scoprire
    Grazie ancora Jesus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.