Camminata solitaria da Monaco di Baviera a Verona 2021 Festeggiando 61 anni di gemellaggio
Tappa 3 – Monastero di Andechs, Ammersee Bavaria e amici stimolanti

Tappa 3 – Monastero di Andechs, Ammersee Bavaria e amici stimolanti

Tappa 3 – Monastero di Andechs, Ammersee Bavaria e amici stimolanti

Oggi la giornata è iniziata con una salita di 7 km verso il Monastero di Andechs, che ancora oggi produce birra artigianale con un metodo antichissimo. Tanti ma tanti anni fa, si racconta di un giovane ricco di una famiglia nobile che si innamorò e sposò una ragazza di una famiglia povera. Tuttavia, a quel tempo era proibito e il padre del ragazzo non accettò la relazione di suo figlio, tanto da commettere una tragedia all’interno della famiglia, uccidendo la moglie di suo figlio. Il ragazzo amava sua moglie e fu profondamente rattristato e costruì il monastero in onore della sua amata moglie.

La mia giornata oggi è stata piena di miracoli, ho passato la giornata incontrando persone speciali sulla mia strada. Il primo è stato Martin Glaab, responsabile della comunicazione del Monastero di Andechs, il più antico di questa regione, costruito nel 1455, il quale mi ha raccontato la bellissima storia che circonda questo luogo. Ma, per me, la cosa più eccitante è stata sentire le sue parole piene di amore e ammirazione per il Monastero, ho potuto avvertire che è davvero appassionato di questo posto. È stato meraviglioso essere accolti con tanta ospitalità e conoscenza.

Martin Glaab

Dopo questo meraviglioso tour, ho incontrato al Lago Ammersee Torge Holtmann, proprietario del marchio Ammersee Bavaria, un marchio di abbigliamento che produce i suoi capi in modo sostenibile, preservando la natura e utilizzando cotone organico e poliestere riciclabile, preservando lo stile moderno e alla moda dei prodotti. La nostra conversazione è stata registrata in un live su Facebook e ogni parola che Torge ha usato per esprimere il suo amore per il Lago Ammersee mi ha colpito profondamente.

Torge Holtmann

Vedere che ha unito la sua passione per la natura e l’amore profondo che prova per il lago con il suo lavoro, mi ha sicuramente ispirato a continuare il mio viaggio alla ricerca dei valori in cui credo e che difendo. Senza dubbio, ho lasciato la nostra conversazione molto eccitata e felice.

Prima di fondare il suo marchio di abbigliamento, ha lavorato con il marketing di grandi aziende di moda, fino a quando ha deciso di mollare tutto per seguire il suo sogno: un marchio concettuale e unico, che rispetti i valori che Torge difende e condivide. Personalmente, sono stata felice di apprendere la storia della sua vita, perché conoscere Ammersee Bavaria e il suo inventore mi ha fatto vedere che possiamo avere speranza per il futuro, perché sono questi valori di preservare l’ambiente che garantiranno il futuro dei miei figli, io posso essere testimone e nutrire la speranza in un mondo migliore per loro.

Al termine della nostra conversazione, il mio nuovo amico Torge mi ha regalato una felpa del suo marchio e posso dire, con grandissima gioia, che è stato uno dei regali più belli che ho ricevuto, oltre ad essere meraviglioso per gli occhi e pieno di energia, perché simboleggia le grandi scoperte che Monaco ha preparato per me. Ogni sorriso, ogni conversazione e ogni passaggio è rappresentato in questa bellissima felpa, prodotta in modo sostenibile e che potrò portare a casa con grande affetto.

Il luogo in cui si è svolta l’intervista con Torge è davvero molto stimolante, si tratta di una parte bellissima dell’Ammersee, lì ho capito perché i tedeschi amano così tanto i laghi di questa regione. È davvero un posto dove divertirsi, condividere esperienze, pescare, fare surf, ma soprattutto rispettare l’ambiente e oggi, ascoltando Torge, ho avuto la prova che ci sono persone impegnate a preservare questo principio.

Oggi è stato il giorno in cui ho scelto di visitare gli ultimi 3 laghi della regione e di completare il mio primo obiettivo perché sono vicini l’uno all’altro. Semplicemente non contavo di passare un pomeriggio meraviglioso, in compagnia di una nuova amica veneta. Giada mi ha trovato sui social, ha letto del mio viaggio e ha deciso di venire da me, lei che da 8 anni vive a Monaco di Baviera, mi ha presentato una gustosa scatola di cioccolatini e un messaggio profondo, che parlava dell’importanza di preservare la forza interiore , un messaggio che aveva perfettamente senso per questo momento che stiamo vivendo e per aiutarmi nella sfida di questo viaggio, che oggi ha già 3 giorni. Abbiamo parlato tutto il pomeriggio e, ancora una volta, riflettuto sull’importanza della presenza delle persone nella nostra vita; è questo tipo di contatto umano che dà valore a tutto.

La giornata è stata ricca di miracoli e piena di doni.

È stato in questo tour con Giada che ho incontrato questo simpatico signore che porta questo buffo cartello, che dice: “sto cercando una donna con un grande umore e un piccolo culo”. Queste cose le vedi solo con lo zaino sulla schiena e con i piedi per strada!

All’arrivo a Utting am Ammersee, una delle 40 città sul lago Ammersee, dove sono stata accolta dalle campane della chiesa. Ogni volta che arrivo in una nuova città e sento suonare la campana della chiesa, mi piace pensare che siano gli angeli ad accogliermi.

Per concludere il diario di oggi, voglio lasciare un messaggio a voi che mi accompagnate in questo viaggio. Prima di arrivare ad ogni lago, ho la fortuna di vedere che ci sono piccoli ruscelli che portano l’acqua ai laghi, infatti, sono quelli che alimentano i grandi laghi. Questo mi ha portato a pensare che sono le piccole cose che rendono possibile l’esistenza delle grandi cose nella vita.

Non possiamo essere grandi prima di presumere di essere piccoli. Questo è vero per i torrenti che alimentano i Grandi Laghi e per noi, di fronte alle sfide della vita.

Molte persone mi chiedono perché faccio lunghi viaggi come questo, e la risposta è questa. Le mie passeggiate mi insegnano e mi portano a comprendere questioni profonde, lungo la strada mi ritrovo aperta e sensibile alle grandi lezioni della vita.

Questo non ha prezzo!

Ho visto questo albero ad Ammersee e mi chiedo quante storie ha da raccontare e quante cose ha visto! E oggi vi lascio così con questa riflessione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.