Camminata solitaria da Monaco di Baviera a Verona 2021 Festeggiando 61 anni di gemellaggio
Tappa 2 – Il lago di Starnberg e la cordialità degli amici tedeschi

Tappa 2 – Il lago di Starnberg e la cordialità degli amici tedeschi

Tappa 2 – Il lago di Starnberg e la cordialità degli amici tedeschi

Oggi mi sono svegliata pronta per vivere un’altra giornata di avventure, nonostante abbia dormito male a causa del freddo e della stanchezza dopo il primo giorno di escursioni. Dubitavo che mi sarei svegliata facilmente, ma il lago di Starnberg mi aspettava e io, innamorata di questa regione, non vedevo l’ora di incontrarlo ed apprezzarne tutta la bellezza.

Il lago di Starnberg si è formato dai ghiacciai delle Alpi e intorno ad esso ci sono molte città, una delle quali è la città di Berg. Appartiene allo Stato della Baviera ed è lungo più di 58 chilometri;  camminare lungo la riva del lago rinnova le mie energie e mi fa capire perché il lago fa parte dell’area ricreativa delle città circostanti.



All’inizio del mio tour ho visitato la Cappella dove il re Ludovico II, noto come il re delle fiabe, fu trovato annegato, nel lago di Starnber, nella città di Berg. Oltre a questa chiesa, c’è, nell’acqua, una croce che indica il luogo in cui morì. Tutt’oggi ci sono ancora molti dubbi su questa tragedia, poiché il re Ludovico II era un abile nuotatore.


La ricchezza della Germania mi incanta! Oltre agli splendidi paesaggi e alle persone cordiali e amichevoli, le loro storie sono molto ricche e coinvolgenti, degne di fiabe e sceneggiature cinematografiche.

Ora che so di più sulla storia del re Ludovico II, posso affermare che le località intorno a Monaco sono molto simili alle città vicine a Verona. È molto bello notare questa somiglianza, poiché sento di camminare lungo il Lago di Garda, quando, in realtà, calpesto un suolo autenticamente tedesco. Le tipiche case e il paesaggio intorno al lago trasformano il clima freddo in una sensazione molto piacevole.


Dopo questo tour sul lago di Starnberg, sono in viaggio verso il secondo lago più grande di questi 5 laghi, il bellissimo Ammersee.

Mi sento molto ispirata quando cammino e ascolto gli uccelli e la natura vivente. Sento che mi viene presentata tutta questa bellezza e tranquillità, poiché ho iniziato il viaggio con l’intenzione di onorare e fare un regalo alle città di Verona e Monaco,  ed ogni passo che faccio avverto questa sensazione.

Oggi, nonostante il freddo, non nevica, per il bene dei miei mignoli!




Elisabeth, questo è il nome del mio primo regalo della giornata! Mi ha fermato dopo aver riconosciuto la bandiera del Veneto e di Verona e mi ha detto che le piace molto visitare il Lago di Garda e passeggiare per quella regione del Veneto. Questo grande gesto di Elisabeth rivela importanti prove che il calore umano esista ovunque, indipendentemente dalla nazione e dalla lingua.

Questo mito deve essere sfatato! Perché quello che ho imparato dai miei due giorni di cammino è essere sempre pronta a regalare alle persone un grande sorriso, perché la risposta sarà sicuramente un ulteriore sorriso caloroso.

Sia i veneziani che i tedeschi hanno una falsa immagine di essere freddi e distanti, ma in realtà, quando li guardo negli occhi, vedo la dimensione dell’umanità, dell’ospitalità e della cura che comunicano. Vale la pena affrontare ogni sfida e incontrare persone incredibili e paesaggi incantevoli!

Elisabeth.

Quando è arrivata l’ora di pranzo, mi sono fermata in una panetteria e sono stata accolta di nuovo con un sorriso; il viaggiatore trova sempre sulla sua strada le risorse necessarie per continuare il suo viaggio, e, nel caso di questa tratta Monaco-Verona, vengo accolta con molto amore da tutti. Anche indossando mascherine e senza avere un contatto ravvicinato, sento il calore umano sotto forma di sorrisi e parole che incoraggiano e rafforzano il mio spirito.

“Il viaggio è una specie di porta attraverso la quale si esce dalla realtà come per penetrare in una realtà inesplorata che sembra un sogno” Guy de Maupassant

Questa definizione avvicina il viaggio ad un sogno e pensando a questo cammino è straordinario come la sensazione sia proprio quella … in effetti può sembrare un paradosso eppure questo cammino in solitudine attraverso territori e bellezze , cultura e storia , sta diventando un incredibile veicolo di socializzazione , proprio in un momento così drammatico come quello della crisi pandemica . Proprio così … questa pandemia ha determinato la più grande crisi sanitaria ed economica della storia moderna … ma soprattutto la più grande crisi sociale della storia dell’uomo … l’essere vivente la cui aspirazione alla socialità è un imprescindibile elemento vitale , come può esserlo l’acqua o l’aria .

Ed ecco che proprio in un momento in cui l’essere umano viene espropriato della propria essenza , della naturale quanto vitale esigenza dell’altro , del condividere e dello stare insieme , questo solitario cammino attraverso strade, sentieri, case paesi, città infonde nelle persone che incontro e in quelle che mi seguono , un immaginario ma tangibile legame , una dolce e soffusa vicinanza , quasi un toccarsi,  uno stringersi la mano, un abbracciarsi. La sensazione è quella di sentirsi vicino all’altro, condividere il dolore di questo difficile momento , ma tenersi per mano e aiutarsi a vicenda per uscire di nuovo , per ritornare a vivere insieme .
Ecco, questo è il sogno che sento di realizzare in questo viaggio.

In un viaggio come quello di oggi, conto sulla fortuna del camminatore per incontrare persone che mi chiedano se sto bene, se ho bisogno di qualcosa. Infatti le persone che incontro vogliono conoscere maggiori dettagli sulla mia avventura ed è per questo che sono così felice di scrivere qui e condividere l’intero viaggio.

Anche se fa freddo, mi sento al caldo con questo calore umano. Questo è ciò che rende la mia giornata più calda. Anche stando lontano dalla tua terra,  puoi vedere il sorriso e il calore delle persone. E per completare la gioia, ho fatto un pranzo gustoso e caldo… un tipico panino tedesco.

Mi sono fermata a mangiare seduta  davanti una chiesa che ospita un cimitero, c’è un panorama molto bello, vedo il ricordo di persone che sono morte tanto tempo fa. Mi piace pensare che queste persone, che hanno qui le loro radici, ammirino la  città e custodiscano la propria gente.

Mi sono  di colpo fermata a riflettere sulle persone che sono state vittime di Covid, e ho ricordato la loro famiglia e le persone care che sono sopravvissute  con una nostalgia tremenda qui.… Tutto quello che sta succedendo nel nostro mondo adesso è triste e spero, che possiamo presto tornare a una vita normale e superare questa fase difficile.

Ovunque, vedo segni di gioia e tradizione del popolo bavarese, come ad esempio il “Maibaum”, il cosiddetto  albero di maggio o del maggio è un albero tagliato dal bosco che s’innalza nei paesi in occasione di Calendimaggio; le varianti più comuni includono un palo di legno decorato con addobbi che rappresentano le professioni, fronde di albero o ghirlande attaccate di fronte alle singole case; in altri casi l’albero è portato di porta in porta; la credenza è che lo spirito dell’albero, che è benevolo, elargisca doni e fortuna;  le manifestazioni recenti sono residui di un culto degli alberi ben più frequente in passato. L’albero di maggio è, secondo James Frazer, all’origine del gioco chiamato albero della cuccagna.

Maibaum

Il Maibaum bavarese viene rinnovato ogni 4 anni. I cartelli accanto a quel palo, rappresentano i mestieri tradizionali e si festeggia ogni primo maggio.

Durante la passeggiata di oggi ho riscontrato ancora un’altra somiglianza con l’Italia. Ho visto questo post decorato con vestiti per bambini e informazioni sulla tua nascita. È incredibile come la gioia di celebrare la vita avvicini una cultura all’altra! Celebrare non è una caratteristica di un solo popolo, ma di persone che sono felici e grate per tutto ciò che hanno!



Gli ultimi 15 chilometri della giornata sono stati terribili per me! La strada sterrata e l’umidità della foresta mi hanno fatto sentire che il freddo di quel luogo era dentro le mie ossa e stavo ancora camminando nonostante la sensazione di avere un tallone ferito … In quel momento, ho sentito che stavo combattendo contro me stessa, contro la mia mente, che insisteva nel dirmi “non ce la faccio più…”, mi trovavo di fronte ad una grande lotta interna, ancora più potente del freddo e della strada.


Quando sono arrivata a destinazione, mi si è presentato un tramonto mozzafiato sul Lago Ammersee. Confesso che sedermi qui e godermi questo paesaggio ha rinnovato la mia forza. È come se i dolori nel mio corpo se ne fossero andati.
Contemplare questo tramonto è un’ulteriore prova che, alla fine vale la pena aver fatto questo sacrificio.


Il coraggio ha vinto il dubbio!

2 commenti

  1. Cara Jesusleny, liebe Wanderin, Respekt, großartig was Sie unternehmen für uns alle, gerade weil Sie nicht gerne laufen! Ich selbst wandere sehr gerne und jedes Jahr mehrere Wochen über die Alpen, meistens in Italien – Friaul, Alpe Carniche, Alpe Piemontesi dal Ticino alle Alpe Marittimi. Morgen am Sonntag möchte ich auf einen Berg wandern.
    Und da ich kurz vor Murnau wohne, möchte ich Sie herzlich einladen zu einem Abendessen und zum Übernachten. Sind Sie nicht gerade hier in der Gegend???? cordiale, Polina

    1. Jesus Gomes

      Liebe Polina, vielen Dank für deine schöne Nachricht und für das Angebot eines Abendessens und die Übernachtung. Heute, Samstag, bin ich noch in Weilheim, und werde morgen erst mal nach Eschenlohe gehen. Schön das du morgen in die Berge zum wandern gehst, ich wünsche dir einen ganz tollen Sonntag. Ganz herzliche Grüße, Jesusleny
      P.S.: ich hoffe wir lernen uns nach der Pandemie persönlich kennen, das würde mich wirklich sehr freuen! Un abbraccio e una giornata piena di luce!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.